WEGIL un esempio virtuoso della valorizzazione del patrimonio

WEGIL, il nuovo hub culturale di Trastevere restituito ai romani dopo anni di chiusura, è un esempio virtuoso dell’azione di valorizzazione del patrimonio regionale.

La Corte dei Conti, sezione regionale di controllo per il Lazio, ha approvato senza rilievi ed emesso il giudizio di parifica sul Rendiconto generale della Regione Lazio per l’esercizio finanziario 2017. Tra le altre azioni di risanamento messe in evidenza nel rendiconto, quelle per la valorizzazione e razionalizzazione del patrimonio immobiliare regionale.

In materia di patrimonio, il procuratore regionale della Corte dei Conti del Lazio, Andrea Lupi, ha voluto ricordare “la vicenda del palazzo dell’ex Gil (la casa della Gioventù Italiana del Littorio) in Trastevere, gioiello dell’architettura razionalista, che dopo moltissimi anni di abbandono finalmente è stato restituito alla collettività grazie anche ai contributi della Regione e dell’Unione europea. Quest’ultima vicenda è emblematica di cosa si debba intendere per amministrare un ente pubblico, che non è soltanto la capacità di offrire alla comunità amministrata i servizi collettivi e la fruizione delle opere pubbliche, nonché di curarne l’andamento al fine di garantirne l’efficienza- ha aggiunto- ma è anche l’attitudine a dare speranza ai cittadini affinché si sentano pienamente partecipi di una fase di rinascita della loro città, certamente rinascita sociale, economica, culturale, ma anche, e soprattutto, emotiva”.