Noma, la rinascita dopo il cancro al seno: presentato il film documentario a WEGIL

Lunedì 14 maggio presso WEGIL (Largo Ascianghi, 5, 00153 Roma) ha avuto luogo la presentazione ufficiale di NOMA: UNA SFIDA CREATIVA ALLA VITA, il film documentario di Alessandra Laganà e Tommaso Marletta vincitore del premio di riconoscimento per il valore umanitario dell’opera all’Accolade Global Film Competition 2017 (CA), USA.

Si tratta di un’opera particolarissima sul rapporto tra Arte e Malattia, basata su una esperienza personale vissuta dalla stessa autrice, che affronta il tema delicato della prevenzione oncologica del tumore al seno: un viaggio straordinario per ritrovarsi, per riscoprire l’essenza, per rigettare il superfluo.

Noma è – principalmente – un progetto concreto che testimonia la possibilità di “riuscirci” e contiene vari significati: una lacerazione (dall’omonimo termine greco), un percorso itinerante (noma-de), ma anche una parte di carci-noma. Noma, il cui logo riflette una costellazione universale in cui tutti i punti si equivalgono e dialogano, è un percorso rivolto a tutte le persone che vivono il disagio della malattia, malattia che può diventare il motore per trasformare le paure più intime in energia vitale e convertire il senso di alienazione in “altro”.

Il documentario è stato girato tra Roma, Milano, Reggio Calabria, Lanzarote, Torino e Palermo, con la produzione artistica ed esecutiva e il sound design di Tommaso Marletta.

La proiezione dell’opera è stata anticipata dal dibattito a cui hanno partecipato i medici e gli artisti coinvolti nel progetto.

NOMA è sostenuto dal Ministero della Salute e dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica, AIOM. È condiviso con i suoi amichevoli partecipanti nell’Associazione no-profit NOMA World A.P.S., che devolverà i proventi del film alla causa motrice che l’ha ispirata.

Maggiori info al sito: www.noma.world